Loading...

giovedì 24 marzo 2011

Il testimone vip, un reality show alternativo

Ieri per continuare il mio percorso ho guardato la prima puntata de "Il Testimone Vip". Il programma non è nuovo però è nuova la serie, in particolare la 4°, e qualcosa che cambia in verità c'è, ora il programma si orienta sull' intervista/documentario a personaggi famosi, sempre fatta da Pif con la sua immancabile minicamera. Ieri in particolare è stata mandata in onda l' intervista a Fabrizio Corona, sono convinto che la scelta di mettere proprio lui nella prima puntata non sia casuale, perchè nonostate non sia possibile dargli un ruolo all' interno della società, Corona è forse il personaggio maggiormente al centro dell' interesse mondano in questo momento, ed è ideale per stuziacare l' interesse dei telespettatori. L' idea del programma è quella di raccontare la vita di un vip passando con lui due o tre giorni così da documentare sopratutto il dietro le quinte di quello che il personnagio che tutti conoscono come cantante, attore o showman. In questa puntata, che premetto essermi risultata molto interessante, viene raccontato forse il personaggoi più discusso degli ultimi 10 anni, un poliedrico Fabrizio Corona, il quale sfrutta l' occasione per accrescere ancora di più la fama che lo circonda. La conduzione/regia di Pif è volutamente minimalista, ricordiamo che il suo obbiettivo è di fare un documentario in cui la sua presenza non si noti, così da essere più reale. Corona su questa scelta ci va a nozze e per dare di se un immagine di uomo di polso, prende completamente in mano le redini dello show, fino ad arrivare a comandare a bacchetta un Pif a cui si deve dare il grande merito di riuscire a non litigare con un personaggio che fa di tutto per essere insopportabile, il tutto è costruito, ricordiamo che Corona sfrutta l' occasione per pubblicizzarsi. Purtroppo a mio parere Pif non riesce ad essere pungente nelle domande che pone a Corona, e fa emergere dell' ex fotografo un ritratto da mafioso pentito che si sta ricostruendo una vita grazie alle sue grandi qualità da manager e al duro lavoro. Solo alla fine della trasmissione per riassumere il personaggio allora ci mostra alcune delle sue numerose contraddizioni mettendo in luce il fatto che Corona è mosso dalla logica dell' essere in continua lotta col mondo solo per essere in luce e non perchè crede in quello che dice. Ma non ci voleva un programma intero per capire questo... Per concludere, temo che nelle prossime puntate dove i protagonisti vip saranno meno famosi al grande pubblico e meno carismatici di Corona (questa è una qualità che insieme alla tenacia gli riconosco), lo show diventerà un po più noioso, il tutto può essere risolto solo da una grande performance di Pif che dovrà tenere in piedi il baraccone, vediamo se ne sarà capace.

martedì 22 marzo 2011

RISULTATI SONDAGGIO

Rendo pubblici i risultati del sondaggio "quale è il vostro cartone animato preferito?"
1° con il 50% dei voti I Simpson
2° con il 33% dei voti Futurama
3° con il 16% dei voti I Griffin
4° con lo 0% dei voti Dad American

Da oggi è disponibile un nuovo sondaggio su questo bog, partecipate numerosi...

Assignement 1

Bene, adesso descriverò come trovare ed iscriversi al feed del sito del gionale "Metro". Innanzi tutto andate su http://www.metronews.it/ scorrete tutta la pagina e in fondo trovate una scritta "RSS FEED" sotto al quale ci sono i link dei vari argomenti a cui possiamo iscriverci. Clickiamo su quello che ci interessa e si apre una pagina che ci chiede di scegliere una applicazioni con cui abbonarsi al feed, per esempio scegliamo google poi clickiamo su "abbonati adesso". Poi chiede conferma e se gliela diamo siamo iscritto al feed.

venerdì 18 marzo 2011

Lo show dei record (di demenza)

Un titolo volutamente provocatorio, che non vuole però offendere nessuno e il cui significato si capisce leggendo sotto.
Ieri si è svolta la prima puntata dello Show dei record, in realtà questo programma andava in onda va in onda già da 2 anni ma siccome è cambiato il presenattore (Gerry Scotti al posto di Barbara D' Urso) mi sembrava doveroso dargli uno sgaurdo.
Devo dire che in genelare come programma non è affatto malvagio, la conduzione è piuttosto scorrevole e godibile non vi è il rischio di annoiarsi. A tal proposito ho trovato esilarate il momento in cui Scotti trovandosi dintorno continuamente il figlio grasso di un concorrente ha incominciato a prenderlo in giro  in mondo neanche troppo sottile, al fine di toglierselo di torno, fortunatamente però questo essendo americano non ha capito nulla.
Ho trovato piuttosto sgradevole in fatto che abbiano invitato per la terza volta consecutiva alla trasmissione la povera adolescente piu piccola del mondo, facendogli oltretutto la stessa inetrvista uguale che le fu fatta dalla D' Urso anni addietro. Sono dell' idea che abbiano invitato anche l' uomo più alto del mondo ma che questo per decenza almeno sta volta non si sia presentato.
Per il resto lo show che si basava sul superamente di presunti record del guinness dei primati mi sembra che abbia un po sfiorato il ridicolo, cioè se si vuole incentrare un programma sulla stranberia della gente lo posso anche capire, ma se poi lo si vuole rendere serio con tanto di notai armati di metro e cronometro la cosa diventa un po forzata. Passino gli energumeni che sollevavano le macchine con le bretelle e le portavano a giro per lo studio, ma il tizio ghanese recordman coem uomo che sputa acqua per maggior tempo ininterrottamente e l' americano che cammina piu velocemente con i piedi girati non li giudicherei meritevoli di un record, insomma ci vuole un po un filtro. Devo ammettere che comunque il programma cattura (almeno me) e questo non è poco, però mi rendo conto che l' effetto non è diverso da quello di un circo.

domenica 13 marzo 2011

Alternativa a 90° minuto? Per un pugno di libri

Oggi mentre guardavo 90°minuto come ogni domenica pomeriggio, cambiando canale durante la pausa pubblicitaria ho notato che su Rai 3 va in onda dalle 18:00 alle 19:00 "Per un pugno di libri". Il è programma condotto da Neri Marcore, noto comico e attore cinamatografico, in cui due classi delle scuole superiori su sfidano sulla falsa riga di un quiz, in una gara basata sulla letteratura in cui dovranno ascoltando un brano capira da dove è stato tratto, oppure associare titolo di un libro all' autore, o ancora avedo degli elementi vari riuscire ad arrivare al titolo del libro. Il tutto, al fine di rendere meno monotono e simile ad un qualsiasi quiz il programma, è intervallato dall' intervento di un comico che partecipa ad un gioco, e di un critico letterario che ogni settimana fa il punto della situazione su quelle che sono le novità letterarie. Personalemente ho trovato molto coraggioso questo programma: intanto per la collocazione oraria, esattamente in contemporanea a Novantesimo minuto, un programma culturale, che di certo di questi tempi è sono all' ordine del giorno in contrapposizione al calcio luce degli occhi degli italiani, una scelta kamikaze ai miei occhi, ma visto che gli anni passano e il programma resta è evidente che ho fatto un grave errore dimenticando tutti coloro che odiano il calcio e che molto spesso sono gli stessi che amano molto i libri. Coraggioso è per la scelta dei concorrenti, tutti liceali come a voler dimostrare, contro la dilagante opinione comune che i ragazzi non sono tutti rozzi e ignoranti ma che esiste anche un qualcos' altro; onorevole obbiettivo, ma pare un po' falso per quella che è la mia esperienza di coetaneo di quei concorrenti, è vero non tutti i ragazzi sono dei decelebrati come quelli che partecipano a Grande Fratello e Co. ma io di ragazzi che a 18 anni sanno a mena dito "Discorso sopra lo stato presente dei costumi degli italiani" di Leopardi non ne conosco nessuno. Mi sorge quindi il dubbio che il programma possa essere in qualche modo truccato, così da essere più scorrevole e dare l' idea che al di là di tutto di ragazzi bravi l' Italia è ancora ben fornita. Ma questo è solo il mio parere che si sa sono sempre scettico. Interessante la scelta del premio da dare ai vincitori delle varie puntate, in contrapposizione ai milioni dei vari quiz... LIBRI , certo in continuità con quello che è l' argomento del programma, e un preciso messaggio ai sovracitati quiz preserali sull' inutilità di grandi premi quando c'è la passione per la cultura,  ma che nasconde il fatto che anche a volere i fondi per dare dei premi "veri" il programma non li ha e quindi se la cava mettendo il campo il discorso dello spreco.
Per concludere trovo molto confortante che in questa televisione dove a farla da padrone sono reality e programmi di approfondimento basati sulla spettacolarizzazione dei macabri eventi di cronaca nera, esista un piccolo progamma senza grandi velleità che però ci da la possibilità di riscoprire un po di letteratura dimenticata sotto la polvere delle librerie in un clima allegro e leggero, e se è truccato che se ne importa, a volte una bugia è meglio di mille verità.

sabato 12 marzo 2011

Come tutto ebbe inizio

Salve, pongo ufficilamente inizio alla vita del mio blog che come (spero) si capisce dal titolo ha l' obbiettivo di fare un pò di chiarezza circa il guazzabuglio di programmi televisivi che ci vengono proposti ogni giorno alla televisione che trasmette in chiaro (RAI, Mediaset, La 7, RTV 38, Mtv per intendersi). L' obbiettivo è quello di formare in breve tempo una sorta di enciclopedia della tv contemporanea, in cui io mi propongo di dare un giudizio il più possibile oggettivo dei programmi che vado a commentare e in più sono disponibile a discutere con i vari visitatori circa gli articoli che ho scritto, critiche e suggerimenti sono ben accetti...